Oggi ha inizio una nuova avventura modellistica: l’apertura del cantiere della Fregata Diana.

L’unboxing della scatola ha rivelato qualche sorpresa ma nel suo insieme non è male. Ci sono più sacchetti che dividono la minuteria, chiodi, sabordi, cannoni, fregi, altre cose che non capisco, e poi una scatoletta in plastica che racchiude al suo interno gran parte dell’oggettistica in legno come bozzelli, candelieri, supporti e cordame vario.

Unboxing della Fregata DIANA by OcCre (foto 1).
Unboxing della Fregata DIANA by OcCre (foto 2).
Unboxing della Fregata DIANA by OcCre (foto 3).
Unboxing della Fregata DIANA by OcCre (foto 4).

Nel kit vi sono tre spolette di filo diametro 0,8 marrone scuro, ben nove spolette 0,15 (è il filo più fine che abbia mai visto) color canapa, e 2 spolette 0,50 color marrone scuro. Il taglio dei pezzi, tipo le ordinate, sono state fatte al laser e risultano perfette. Mi sono fatto una copia di tutte le ordinate, della chiglia, del ponte di coperta e del ponte principale. Ho tenuto inoltre gli stampi con i pezzi staccati e numerati. Sia mai che debba rifare qualcosa. Le vele sono pretagliate.

Il kit cartaceo prevede 3 fogli di un metro per 70 cm stampati da ambo le parti con le varie parti della nave in scala 1:1

Ho notato che non ci sono le stampe delle singole ordinate o dei pezzi che compongono la nave. Ecco quindi il perché delle mie fotocopie. Un manuale a colori con le foto del montaggio o di come assemblare alcune parti. Il manuale è in fogli di dimensione A4 e ci sono 5/6 immagini per pagina. Capite da soli quanto sia difficile interpretarle visto la loro misera dimensione. Dovrebbero rappresentare i dettagli ma non si vedono bene proprio i dettagli.
Altre sei pagine, sempre di dimensione A4, di manuale per l’elenco dei pezzi e una descrizione dei passaggi da eseguire che si ricollegano alle foto. Si potrebbe trovare una soluzione migliore per entrambi i manuali.