primo comando patrick o brian

Primo comando: Un’avventura di Jack Aubrey e Stephen Maturin – Master & Commander (La Gaja scienza)

di Patrick O’Brian

Editrice Longanesi & C.

Romanzo

Leggi le recensioni e acquistalo su Amazon.

Patrick O’Brian è nato nel 1914 a Chalfont St. Peter nel Buckingamshire a circa una quarantina di Km da Londra. Muore a Dublino, nel 2000.

Nel 1968 O’Brian era già affermato come scrittore quando un editore Americano lo invitò a scrivere romanzi storici in ambito marinaresco. Fu cosi che O’ Brian diede vita a due personaggi avventurosi, il Capitano Jack Aubrey e il suo amico e medico di bordo, Stephen Maturin. Negli anni a seguire dalla mente avventurosa di Patrick O’Brian uscirono una ventina di grandi e travolgenti scritti di avventure in mare che ebbero un notevole successo sia sul territorio nazionale che internazionale. Longanesi si preoccupò di portare questi volumi in Italia.

Per rendervi conto di chi sto parlando, sappiate che molti dei personaggi dei libri di O’Brian ma soprattutto i due protagonisti principali Capitano Aubrey e Maturin, sono stati portati sul grande schermo da Peter Weir nel film “Master and Commander: sfida ai confini del mare” con Russel Crowe e Paul Bettany, nel dicembre 2003.

Jack Aubrey è un abile uomo di mare, audace e coraggioso. Un Capitano onorato di vestire i panni e di portare addosso e nel cuore i colori della Royal Navy, la marina militare Inglese.

Finalmente, dopo lunghe e spasmodiche attese, gli viene affidato il suo primo comando e la sua prima nave da Capitano. Si ritrova a bordo della “Sophie”, una corvetta dalla non particolare lucente e fulgida gloria marinara ma pur sempre una nave armata con la quale solcare il mare, l’oceano. A bordo, un equipaggio duro e determinato, bramoso di gloria ma soprattutto di ghinee, la ricompensa comune per la cattura delle prede in mare, prede che potevano essere francesi, spagnole, arabe comunque nemiche dell’Inghilterra. Al fianco del Capitano Aubrey il suo amico, Stephen Maturin, medico che assapora per la prima volta il profumo del mare misto a quello della polvere da sparo. Insieme vivranno il fascino e l’emozione dell’avventura in mare facendo da scorta ad un convoglio di navi mercantili diretto a Cagliari, in Italia. In teoria un semplice compito di “scorta” ma in pratica una missione che ben presto metterà la Sophie, tutto l’equipaggio e il loro Capitano a una durissima prova di forza. Astuzia e intelligenza in un ambiente tanto amico quanto ostile e cosi particolare dove il semplice cambiar del vento può far volgere lo scontro a favore del nemico, capovolgendo così le sorti.

Perchè “modellismonavalestorico” si è preoccupato di leggere e di recensire per voi questo romanzo. Cosa c’entra con il modellismo navale?

Chiariamo subito che si tratta di un “romanzo” per tanto i fatti che vengono raccontati nel libro possono non essere veri, se non addirittura totalmente inventati. Di questo ne prendiamo atto e siamo perfettamente consapevoli ma a noi è interessata molto un ‘altra cosa: la terminologia marinaresca usata. Praticamente questo libro rappresenta un dizionario di termini marinareschi impressionante e non solo. Si parla del peso di alcuni oggetti o di lunghezze di altri. Bellissima una sezione del libro quando il giovane Mowett spiega dall’alto della coffa, al neo imbarcato medico di bordo Stephen Maturin, l’intera nave. Il giovane confida al dott. Maturin che farebbe molta fatica a spiegare la corvetta senza usare i nomi comuni con cui i marinai identificano gli oggetti. E questa è

una sacrosanta verità. Molti termini che il giovane usa per identificare le varie parti della nave li conoscevo già altri invece sono dovuto andare a vedere il loro significato sul dizionario.

La versione del libro è presente su AMAZON sia in formato cartaceo che in formato elettronico Kindle. Ovviamente nella versione Kindle è molto più facile accedere al dizionario elettronico e per tanto qualsiasi termine tecnico di cui si voglia conoscere il significato basta un click e la curiosità è appagata. Altrimenti, nel formato cartaceo, c’è alla fine del libro la presenza di un glossario dei termini marinareschi più utilizzati. Durante tutto il racconto i termini marinareschi si susseguono di continuo quindi se non avete familiarità o non desiderate conoscerli direi che questo genere di romanzo non fa per voi.

In libreria potrete trovare molte avventure marinaresche decisamente più “semplici” da comprendere piuttosto che i romanzi di P. O’Brian. Al contrario, se desiderate leggere un avvincente romanzo, pieno di terminologia marinaresca e che in quello stile vi illustri le manovre, i comandi dati dal Capitano o dal nostromo, i nomi degli alberi, dei pennoni, delle vele oppure il peso di alcuni cannoni o la loro gittata o il tiro utile di una colubrina o ancora cosa significhi essere sopravento, o veleggiare con vento poco a poppavia del traverso, sventare una vela, inferirla sugli stralli insomma se amate comprendere questo genere di terminologia allora questo libro fa per voi.

Nel modellismo navale, conoscere i termini o il gergo marinaresco non è fondamentale. Si possono costruire bei modelli anche senza conoscere la terminologia. Certo è però, che conoscere questa terminologia aiuta a comprendere meglio il pezzo o l’intero modello che stiamo costruendo e tante volte la sua funzione. Conoscere la terminologia significa che in caso di necessità siamo in grado di spiegare una problematica o un pezzo e chiedere aiuto a chi è più competente di noi sicuri che possa capire esattamente di cosa si sta parlando.

Ecco spiegato il motivo perché Modellismo Navale Storico consiglia questo libro.

Noi non consideriamo i fatti o gli avvenimenti che si susseguono nel romanzo. Potrebbero corrispondere al vero oppure no, questo non ci è dato a sapere visto che si tratta appunto di un romanzo. Consideriamo invece la terminologia, il vocabolario utilizzato, i nomi degli oggetti e le misure che vengono date ai diversi oggetti e vi assicuro che, se avrete la pazienza di rapportarle alle nostre unità di misura, scoprirete cose davvero molto interessanti e curiosità sorprendenti.

Modellismo Navale Storico vi augura una Buona lettura.