Secondo la situazione in corso sulla nave le ancore a bordo hanno una loro precisa collocazione. Allo stesso modo andranno arridate alla gomena solamente quando si è prossimi a dar fondo all’ancora. Nel nostro caso, la Scotland è in banchina.

L’ancora di sinistra non ha la gomena arridata ed è rizzata sulla murata. E’ assicurata con più funi in modo che non sbatta contro la murata stessa una volta in mare. Il ceppo, la parte in legno, è verticale alla murata, la cicala (l’anello in metallo fasciato di corda) è pronta per essere agganciata all’argano di capone. Parte del fuso e la marra (la parte in metallo a forma di pala), è assicurata da delle funi e poggia volutamente sul ponte superiore.

SCOTLAND - Vista superiore dell’ancora di sinistra rizzata sulla murata di sinistra.
SCOTLAND - Vista di 3/4 dell’ancora di sinistra rizzata sulla murata di sinistra.

“La Scotland ha due ancore. Una di queste pesa all’incirca 260 kg”

La seconda ancora è pronta a dar fondo. Nel caso sia necessario la si fa calare in mare. Come potete vedere sulla murata di dritta c’è l’ancora agganciata alla gru di capone. La gomena è assicurata con il suo nodo alla cicala fasciata e dopo aver fatto due tre giri intorno all’argano orizzontale di poppa scende nel pozzetto delle gomene. Il ceppo è orizzontale al mare e le marre sono tenute da delle cime arridate ad una galloccia sul ponte. Nel caso sia necessario dar fondo all’ancora viene sganciata la cima delle marre, l’ancora penzola dalla gru di capone in verticale al mare, si toglie la sicura al bozzello di capone e l’ancora scende in caduta libera attratta dalla forza di gravità a causa del suo peso.

SCOTLAND - Vista dell’ancora di dritta pronta a dar fondo.
SCOTLAND - Vista di entrambe le ancore, ciascuna nella sua posizione.

Queste ancore non sono particolarmente pesanti. Ad ogni modo all’argano ne va sempre assicurata una per volta. Non vanno mai calate insieme e nemmeno recuperate insieme.

I modelli che presentano due ancore alla salpa allo stesso argano, non sono da intendersi “storicamente” corretti perché questa costa cosa non poteva avvenire nella realtà.